Con questo nuovo servizio in ogni biblioteca dell'Università di Bologna e dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna, e nelle biblioteche comunali di Casalecchio di Reno e San Lazzaro, i lettori possono richiedere gratuitamente il prestito di un volume posseduto da una qualsiasi delle altre. Sono così i libri a spostarsi, non i lettori: è come se tutte queste biblioteche diventassero un'unica, grande biblioteca a disposizione di tutti.

Prestito circolante

Come funziona?

Se il titolo che si cerca non è posseduto dalla biblioteca di riferimento o risulta in prestito, consultare il catalogo del Polo bibliotecario bolognese e verificare se è presente in una delle biblioteche dell'Universitàcompresa la Biblioteca Universitaria, le biblioteche dell'Istituzione , nella Mediateca di San Lazzaro o nella biblioteca Cesare Pavese di Casalecchio di Reno, nella Biblioteca Italiana delle donne, nella Biblioteca della Fondazione Gramsci, nelle biblioteche dell'Assemblea Regionale dell'Emilia Romagna.

  1. Andare nella biblioteca che si preferisce e segnalare che si vorrebbe quel libro da un'altra biblioteca.
  2. I libri richiesti entro il lunedì ed entro l'orario di apertura del servizio  nella biblioteca alla quale ci si rivolge saranno disponibili a partire dal venerdì successivo; se la richiesta viene inoltrata successivamente il libro verrà recapitato il venerdì della settimana dopo.
  3. Il prestito circolante è un servizio disponibile per i soli libri e audiolibri; tutti gli altri multimediali sono esclusi.
  4. Ogni lettore può richiedere al massimo tre testi e, nel caso in cui la distanza tra la biblioteca richiedente e quella prestante sia inferiore a 1 km. e mezzo a piedi, non è possibile richiedere il servizio.

Non è possibile effettuare proroghe e prenotazioni.
Il servizio non è disponibile presso la biblioteca di Casa Carducci.

Per ulteriori informazioni sul servizio scrivere a

Importante: il servizio è in fase di sperimentazione dal 5 ottobre al 31 luglio 2017. Dal 6 Aprile 2017 entreranno a far parte della sperimentazione del servizio anche la Biblioteca Italiana delle Donne, la Biblioteca della Fondazione Gramsci , la Biblioteca dell'Istituto Parri e le Biblioteche dell'Assemblea Legislativa Regionale dell'Emilia Romagna.

Gruppo di lavoro

A sostegno delle attività di progettazione, accompagnamento e monitoraggio della sperimentazione si è costituito un gruppo di lavoro composto da:

(Coordinamento)