Il servizio Proxy consente l’accesso alle risorse elettroniche riservate ai soli utenti autorizzati dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna: docenti, studenti, personale tecnico amministrativo, assegnisti di ricerca, dottorandi, collaboratori accreditati, pensionati e alumni.

L'accesso alle risorse elettroniche è regolato da contratti (o licenze) che impegnano l'Università a vigilare attivamente sul rispetto degli usi consentiti e individuare eventuali abusi.

Le condizioni sul corretto utilizzo delle risorse elettroniche sono consultabili alla pagina Linee guida sulle condizioni generali di accesso e di utilizzo delle risorse elettroniche.

È responsabilità dell'utente che la consultazione delle risorse elettroniche avvenga solo a scopo di ricerca, studio e didattica; è vietato qualsiasi utilizzo per scopi di lucro o commerciali.

L'Ateneo non sarà responsabile nei confronti dell'utente per le eventuali violazioni del diritto d'autore o delle condizioni di utilizzo previste nelle licenze perpetrate dai soggetti a cui è consentito di accedere ai materiali attraverso il Servizio.

L'Ateneo, per salvaguardare il diritto generale di accesso attraverso il Proxy, si riserva la facoltà di inibire l'accesso in via precauzionale all'utente di cui sia contestato il legittimo utilizzo da parte dei fornitori di risorse elettroniche, dandone avviso all'utente.

Lo scopo del servizio Proxy è di dare supporto informativo e documentario alle attività di Ricerca e Didattica dell'Ateneo. La consultazione delle Risorse elettroniche ad accesso riservato deve essere pertinente a questo scopo ("è vietato [...] usare la rete, i servizi e le applicazioni dell'Ateneo: [...] d. per qualsiasi tipo di uso commerciale non inerente all'attività istituzionale compiuta;") (1).

L'uso del servizio Proxy comporta da parte dell'utente il rispetto delle seguenti prescrizioni:

  • "le credenziali istituzionali sono personali, non cedibili e utilizzabili esclusivamente dal proprietario" (2)
  • "l'utente è pienamente responsabile delle proprie attività e dei dati trasmessi e/o resi pubblici mediante l'uso delle credenziali istituzionali a lui associate" (3)
  • "l'utente è tenuto a conservare segretamente la propria password, a non cederla a terzi e a non lasciare sessioni di lavoro aperte e incustodite" (3)

1. Art. 28. Limiti d’uso, "Testo Unico sulla Privacy e sull'Utilizzo dei Sistemi Informatici".

2. Art. 26. Autenticazione informatica e telematica, "Testo Unico sulla Privacy e sull'Utilizzo dei Sistemi Informatici".

3. Art. 27. Obblighi dell’utente, "Testo Unico sulla Privacy e sull'Utilizzo dei Sistemi Informatici".